Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Nella cirrosi, PPI andrebbero limitati a indicazioni appropriate e alla dose efficace più bassa

Sebbene gli inibitori della pompa protonica siano collegati a un aumentato rischio di infezione e scompenso nei pazienti con cirrosi, possono comunque essere di beneficio nei pazienti con precedente sanguinamento gastrointestinale, secondo i dati pubblicati su Gastroenterology.
Sebbene gli inibitori della pompa protonica siano collegati a un aumentato rischio di infezione e scompenso nei pazienti con cirrosi, possono comunque essere di beneficio nei pazienti con precedente sanguinamento gastrointestinale, secondo i dati pubblicati su Gastroenterology.

L'impatto dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) sugli esiti avversi nella cirrosi rimane controverso.
Per tale motivo in questo studio i ricercatori americani hanno mirato a valutare l'associazione tra esposizione ai PPI e mortalità, infezione e scompenso per tutte le cause in un'ampia coorte nazionale.
Questo era uno studio retrospettivo su pazienti con cirrosi nella Veterans Health Administration.

L'esposizione ai PPI è associata ad un aumentato rischio di infezione e scompenso nella cirrosi, che può mediare la mortalità correlata al fegato. Tuttavia, l'uso di PPI è stato associato a una ridotta mortalità per tutte le cause in quelli con precedente sanguinamento gastrintestinale (GIB), suggerendo un beneficio in presenza di un'indicazione appropriata.

"In questo studio abbiamo evidenziato che l'uso di inibitori della pompa protonica è associato a eventi avversi correlati al fegato che possono mediare la mortalità correlata al fegato", ha sottolineato Nadim Mahmud, assistente professore di medicina ed epidemiologia presso l'Università della Pennsylvania Perelman School of Medicine.

“Tuttavia, nei pazienti che hanno avuto un precedente ricovero per emorragia gastrointestinale, i PPI erano associati a una riduzione della mortalità. Ciò suggerisce che in presenza di un'indicazione appropriata, come il sanguinamento correlato all'ulcera peptica, i PPI sono importanti e possono conferire un beneficio in termini di mortalità".

In questo studio retrospettivo, Mahmud e colleghi hanno incluso 76.251 pazienti con cirrosi dalla Veterans Health Administration, 23.628 dei quali erano in trattamento con PPI all'inizio dello studio.
I ricercatori hanno classificato l'esposizione ai PPI come una variabile di aggiornamento temporale dal tempo indice della diagnosi di cirrosi e hanno analizzato i dati dopo aver aggiustato le covariate variabili nel tempo, comprese le comorbidità cardiovascolari, il sanguinamento gastrointestinale e l'esposizione alle statine.
Secondo i risultati dello studio, l'esposizione binaria ai PPI era correlata alla riduzione della mortalità per tutte le cause nei pazienti ricoverati per emorragia gastrointestinale (HR=0,88; IC 95%, 0,84-0,91) ma non si associava significativamente alle altre covariate (HR=0,99; 95% CI, 0,97-1,02).

Al contrario, l'esposizione cumulativa ai PPI era correlata con un aumento della mortalità nei pazienti senza ricovero per emorragia gastrointestinale (HR=1,07 per 320 mg-mesi [equivalenti a omeprazolo]; IC 95%, 1,06-1,08). L'esposizione ai PPI era anche correlata a infezioni gravi (HR=1,21; IC 95%, 1,18-1,24) e scompenso (HR=1,64; IC 95%, 1,61-1,68).
Inoltre, i risultati dell'analisi della mortalità per causa specifica hanno mostrato che l'esposizione ai PPI era associata a un aumento della mortalità correlata al fegato (HR=1,23; IC 95%, 1,19-1,28) ma a una mortalità non correlata al fegato ridotta (HR=0,88; IC 95% , 0,85-0,91).

"Il nostro studio sosterrebbe che nei pazienti con cirrosi, i PPI non dovrebbero essere evitati esclusivamente a causa delle preoccupazioni relative agli eventi avversi correlati al fegato", ha continuato Mahmud. "Tuttavia, le prescrizioni dovrebbero essere limitate a indicazioni appropriate alla dose efficace più bassa".

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione