Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Anelli (Fnomceo): “Lotta contro i virus nuova frontiera della medicina”

“Più ancora dei tumori, nei confronti dei quali la prevenzione primaria e secondaria e le terapie hanno abbattuto la mortalità, sono oggi i virus il nemico più insidioso – sottolinea in una nota il presidente della Fnomceo Filippo Anelli -. La vera sfida è quindi isolare i nuovi virus per mettere a punto vaccini e terapie. Questo Nobel a tre virologi, assegnato proprio nell’anno della pandemia di Covid-19, costituisce quindi un riconoscimento significativo dell’importanza di questa branca della scienza medica”.

“Mentre contro il nuovo Coronavirus gli antivirali sin qui testati non hanno dimostrato una grande efficacia, i nuovi farmaci contro l’epatite C, in particolare quelli di seconda generazione, hanno salvato centinaia di migliaia di vite, permettendo l’eradicazione del virus dall’organismo nel 90% dei casi – aggiunge ancora -. Questo non sarebbe stato possibile senza la scoperta e l’isolamento del virus, scoperta che ha migliorato anche la sicurezza delle trasfusioni di sangue e degli emoderivati”.

“Ora si apre il dilemma etico del costo di questi nuovi farmaci, veramente rivoluzionari nella loro efficacia – prosegue Anelli -. La Fnomceo si è spesa, già dal 2016, con una mozione del Consiglio Nazionale approvata a Bari da tutti i presidenti degli Ordini italiani, perché il prezzo fosse abbattuto e fosse estesa la platea degli aventi diritto alla somministrazione, cosa poi avvenuta”.

“Così come i tumori sono diversi l’uno dall’altro per tipologia e aggressività, anche i virus differiscono ovviamente per struttura, contagiosità, virulenza, via di trasmissione, meccanismo di infezione delle cellule, e quindi diverse devono essere anche le strategie per combatterli – conclude Anelli -. Per il nuovo Coronavirus si sta puntando, più che sugli antivirali, sul vaccino e sugli anticorpi monoclonali. Il Premio Nobel di oggi ai “cacciatori di virus” è quindi anche un segnale di speranza, perché la ricerca ci metta presto a disposizione strumenti di prevenzione e di cura efficaci per la Covid-19”.

Fonte: quotidianosanita.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione